tahva_bigMa quanti anni hai? Quanta roba hai scritto?
Sono nata il 7 agosto 1989. Per la cronaca, sono di Villacidro (CA). Sì, ho un cognome strano, e si legge Sperandìo. Se state per fare la battuta che mi fanno tutti da una vita intera, no, non spero in Dio.
Comunque, se per roba si intendono romanzi, ho scritto Cielo Triste (2006), Apocalypse (2008), UNFORGIVEN (2012), due versioni differenti di Fuoco Nemico (2005 e 2014), Sotto Tiro (2005), Il Riposo del Lupo (2006), un racconto edito chiamato Promettere nel buio (2006, nel libro Racconti Fantastici, Edizioni Fiore) e un intero romanzo inedito (2008).

Da che età scrivi romanzi?
Il mio primo tentativo è stato a dieci anni, con la versione primordia di Fuoco Nemico. Da allora, seppur con i miei tempi, non ho più smesso.

E da quando scrivi per i magazine di videogiochi?
Nel 2005 ho cominciato a scrivere articoli per il magazine online Everyeye.it, occupandomi di anteprime, speciali e recensioni. Ho lavorato per questo sito fino al 2011. In seguito, ho scritto per InGame.it, MondoGamesBlog.com e AENetwork.it. Dal febbraio 2012, scrivo come articolista e newser per SpazioGames.it.

Perché scrivi proprio questo genere di storia? Sai che è poco usuale per una donna?
stefania_gun
È un tipo di storia affine alle mie passioni: da ragazzina, ambivo ad entrare in Polizia o nell’Esercito, quindi posso dire di aver sempre coltivato grande fascino per le persone in divisa. Oltretutto, la saga Metal Gear ha un ruolo profondo in ciò che scrivo, ed ha a sua volta contribuito a farmi tendere verso un genere fantapolitico e psicologico votato però all’azione.
Ah, sì, mi piacciono anche le armi. Ne conosco di molti tipi e sono affascinata dalla finezza delle pistole. Nonostante questo, no, non sono una persona violenta, non possiedo armi e non ho il porto d’armi (le pistole giocattolo, come la Desert Eagle in foto, provata al Cartoomics, non contano). La cosa mi torna molto utile quando scrivo.

stefaniasperandioCome hai fatto a trovare una casa editrice? Un consiglio per farmi pubblicare?
Mi sono solo guardata intorno, all’epoca. Credo che oggi probabilmente farei scelte diverse, ma sono davvero felice dei risultati editoriali raggiunti dalla mia prima trilogia. Io semplicemente stampai una decina di copie del romanzo di per mio, da spedire in caso qualche casa editrice si mostrasse interessata. Preparai una sinossi di Cielo Triste per presentare il libro, e la spedii insieme ad una lettera di presentazione personale. Venni ricontattata e il resto lo sapete già.
Per chi vuole scrivere e farsi pubblicare, ho solo un consiglio imprescindibile: se una casa editrice vuole pubblicarvi ma vi chiede di stampare il libro a vostre spese, e di acquistare un tot di copie obbligatorie, andate altrove. Queste case editrici non hanno nessuna intenzione di supportarvi né di promuovervi, vogliono solo sfruttare la vostra amibizione e strapparvi i soldi delle copie obbligatorie che dovete comprare voi stessi. Non dategli fiducia, datene a ciò che avete scritto.

Come inizi a scrivere un romanzo?
Serve un flash. Un’idea, un fiammifero, una lampadina che si accende. Generalmente ho idee diverse, che annoto per evitare di dimenticarle. Alla fine, per non so bene quale miracolo, esse convergono e trovano il loro punto d’incontro in una sceneggiatura più grande. Il flash è quello. E da lì comincio a scrivere.

Quando stendi un romanzo, quante pagine scrivi al giorno?
Generalmente stavo sulle quattro pagine A5 al giorno, ma sto parlando di periodi in cui ero regolare, ma non molto prolifica. Con Fuoco Nemico, sul quale ho passato anche intere giornate, ho scritto anche una sessantina di pagine A5 in un solo giorno. Dipende fondamentalmente anche dal tipo di contenuti – certe scene molto forti, sempre da Fuoco Nemico, hanno richiesto parecchi giorni di stesura.

Come hai fatto a cominciare a scrivere per le testate di videogiochi?
Quando ero molto giovane, pubblicavo su un famoso forum le mie recensioni amatoriali, e venni notata dall’allora caporedattore della sezione PC di Everyeye.it, che mi chiese se avevo voglia di provare a lavorare per il sito. Ho scoperto che quel lavoro mi piaceva e ad oggi, su altre testate e principalmente su SpazioGames.it, lo faccio ancora con grande entusiasmo ed interesse.

gamesweek

Meet me

I miei libri preferiti: Il Conte di Montecristo, Amabili Resti, Lucky, L’Ultima Legione, Cronache del Mondo Emerso, Never Let Me Go, Una Bambina, Brave New World
I miei scrittori preferiti
: Alice Sebold, Tom Clancy, Valerio Massimo Manfredi
I miei film preferiti: Il Gladiatore, Ordet, Amabili Resti, Un’Impresa da Dio, Stalker
I miei attori preferiti: Ilaria D’Elia, Debi Mae West, Denzel Washington, Catherine Zeta Jones, Ellen Page
I miei videogiochi preferiti: Metal Gear Solid (serie), Final Fantasy X, Hitman (serie), Heavy Rain, Tomb Raider, Second Sight, Life is Strange
I miei musicisti preferiti: Nightwish, Metallica, Within Temptation, Ludovico Einaudi, Hans Zimmer, Globus
Canzone preferita: Ghost Love Score (Nightwish)
Persone ispiratrici
: Hideo Kojima, Tuomas Holopainen, James Hetfield, Alice Sebold

7218 Visite totali 9 Visite oggi

5 thoughts on “Chi sono

  1. Ti ho scritto recentemente su YouTube nel tuo user Apple Creativa , riguardo al passaggio da Pc windows ad un iMac….Credo tu non mi abbia risposto poichè non segui più quello user. Visto che tra breve cambierò il pc di casa , volevo un tuo consiglio spassionato se vale la pena passare al mondo Apple…Ci ho pensato anche perchè adesso ho un iphone come smartphone.
    Non ne farei un uso professionale , ma solo personale e sopratutto per le foto.
    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta e le delucidazioni.
    Con ammirazione e stima cordiali saluti !!
    Fabio – Milano

      1. Ricordati però !! altrimenti a breve passiamo direttamente al training….
        Scherzo ovviamente…se non hai tempo non importa.
        Grazie ugualmente.

        Ciao,
        Fabio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *