Fuoco Nemico è disponibile per la lettura

La prima volta che pensai di scrivere Fuoco Nemico, avevo 10 anni. Giocando al primo Metal Gear Solid, rimasi colpita dal personaggio di Meryl Silverburgh, da come quell’opera rappresentasse un’eroina donna con le palle quadre – anche se abbastanza sfortunata e anche se all’epoca non sapevo dire palle quadre. Divenne rapidamente il mio personaggio preferito, e passai tanto tempo a disegnare fumetti e altre storielle illustrate per far vivere a lei e al resto del cast del gioco avventure tra le più strambe. Fino a quando non pensai di scriverci su un romanzo.

Così, decisi di raccontare le vicende di Metal Gear Solid non più dal punto di vista di Solid Snake, come si vede durante il gioco, ma proprio da quello di Meryl. Fu una stesura primordiale – a tratti imbarazzante – ma essere dentro la mente di quella ragazza che pensa di poter fermare un gruppo terroristico di soldati addestrati mi piacque.
Quando stesi parte della bozza di una seconda versione, feci del mio meglio per far coincidere tutte le scene che si vedono nel gioco, e quindi ufficiali (ossia quando lei è con Snake a Shadow Moses) con quelle che la mia mente e la mia creatività mi suggerivano (i suoi rapporti familiari e gli anni di accademia militare, ad esempio), e chi mi lesse gradì il risultato.

Così, nel 2011, dopo aver terminato i lavori su UNFORGIVEN, mi dissi che era tempo di terminare i lavori che io e Meryl Silverburgh avevamo in sospeso. Una stesura iniziata immaginariamente nel 2000, ufficialmente nel 2011 e conclusasi l’8 gennaio 2014.
Ho impiegato diversi giorni per la rilettura e la correzione del romanzo, e mi sono emozionata a vedere Meryl crescere di pagina in pagina. Quando la gente me lo chiede – sì, io scrivo per emozionarmi. E se si emozionano anche i lettori, allora tanto meglio.
Spero con tutto il cuore che Fuoco Nemico possa far emozionare tutti, fan di Metal Gear Solid o no, e che la mia Meryl possa in qualche modo lasciarvi dentro qualcosa. Ecco, quello è un altro motivo per cui mi piace scrivere: per lasciare qualcosa dentro.
Qualcosa dentro agli altri e soprattutto dentro me stessa.

Prima di passare ai link diretti per la lettura del romanzo, volevo fare un’annotazione. Il libro si apre con una pagina che ne sconsiglia fortemente la lettura ad un pubblico di età inferiore ai 18 anni, perché presenta alcune scene e contenuti estremamente diretti e crudi, basati su testimonianze di fatti realmente accaduti. Chiedo scusa a tutti i lettori sensibili che troveranno questo tipo di descrizione inquietante e crudele, ma gli chiedo anche di non limitarsi al solo Fuoco Nemico: le sequenze particolarmente dirette, sono quelle fondate su documenti, video e testimonianze con cui sono entrata in contatto (uno su tutti, l’approfondimento sul waterboarding). Sono cose accadute realmente a qualcuno – magari stanno accadendo proprio ora – e vi chiedo quindi di non tirarvi indietro etichettandole come gratuite: non lo sono. Sono cose che succedono davvero, ogni giorno, nello stesso pianeta che calchiamo mentre siamo impegnati a girare la faccia dall’altra parte. La mia mente non è ancora abbastanza malata da immaginare certi tipi di efferatezze in totale autonomia, né si diverte a renderle parte di un romanzo in maniera gratuita. Sono cose che a me hanno fatto riflettere. E che spero possano avere lo stesso effetto anche a chi mi darà il piacere di leggermi.

Ciò premesso, auguro a tutti coloro che vorranno leggermi di emozionarsi, affezionarsi a Meryl e lottare, piangere, gioire e amare con lei. E, all’ultima pagina, gli auguro di sentirsi orgogliosi e motivati come mi sono sentita io.
Ho rimandato il giorno in cui potevo cominciare ad essere felice, dicendomi che tanto c’era domani.
Per tutte le ulteriori informazioni, vi rimando alla pagina di approfondimento dedicata al romanzo.

Tutti i marchi relativi a Metal Gear Solid appartengono a Konami Computer Entertainment Japan e a Kojima Productions. Fuoco Nemico è un’opera di tributo e non intende in alcun modo lucrare sul franchise.
All Metal Gear Solid trademarks are property of Konami Computer Entertainment Japan and Kojima Productions. Fuoco Nemico is a tribute and I absolutely don’t intend to make money out of this fanfiction.

3298 Visite totali 1 Visite oggi

Recent Comments

  • Francesco
    26 Gennaio 2014 - 20:01 · Rispondi

    Allora… ti dico solo che ho un esame tra 5 giorni e che ieri ho scoperto l’esistenza di questo romanzo. Ho perso un giorno di studio, ma non sento di aver perso tempo. Ho appena portato a termine l’intera lettura e non posso che farti i miei complimenti! Hai trattato temi pesantissimi con una facilità incredibile, hai concepito una storia che si amalgamasse perfettamente a quella di un’altra opera, comprendendone tutti gli aspetti chiave e interpretando in modo eccezionale tutti i sentimenti, le emozioni che i personaggi provavano. Pur, da fan della saga, avendo individuato un paio di imprecisioni (forse dettate da mie cattive interpretazioni o da un ricordo distorto di alcuni piccolissimi dettagli nel primo capitolo del videogame), sei riuscita a entrare completamente nello spirito di Metal Gear Solid.
    Hai anche avuto il coraggio di spingerti nel caratterizzare ulteriormente i personaggi apparsi nella serie, hai reso Meryl forse più umana, mostrando con efficacia sia le sue motivazioni che le sue paure.
    Concludo dicendo che mi hai fatto ritrovare il piacere di una bella lettura, che non mi capitava tra le mani da molto, troppo tempo.
    Leggerò sicuramente i tuoi prossimi lavori, ancora complimenti!

    P.s. Ti odio perchè non ti sei esposta nel raccontare perchè Meryl e Snake si sono lasciati 😛

    • Stefania
      27 Gennaio 2014 - 18:23 · Rispondi

      Ti ringrazio davvero di cuore per la tua splendida recensione, sono felice di essere riuscita a trasmetterti delle emozioni e a rendere a mio modo giustizia a quel capolavoro che è Metal Gear Solid. Grazie grazie grazie, per avermi letta e per avermi inviato questo commento ^^

      PS: Di quello parlerò nel prossimo, che racconterà invece gli eventi di MGS4, sempre dal punto di vista di Meryl!

Trackbacks and Pingbacks

Leave a Comment